8 Visita di Duisburg

Duisburg, è una città industriale, il più importante produttore di acciaio della Germania, anche se altre industrie pesanti della zona hanno chiuso. Il porto di Duisburg è responsabile del trasporto dei frutti di questa città situata alla confluenza del Reno e della Ruhr. Incontra le 8 attrazioni turistiche di Duisburg.

Il porto interno, che dal Reno arriva al centro di Duisburg, è stato riabilitato negli ultimi 20 anni e gli ex magazzini industriali di grano sono stati trasformati in musei, agenzie e appartamenti. La città di Duisburg è all’inizio di un percorso di siti impressionanti come una vecchia acciaieria verso la parte nord della città, che è stata ristrutturata in un parco urbano.

Quali giri turistici a Duisburg?

1. Museo Lehmbruck

Ai margini del Parco Immanuel Kant, troviamo il Museo Lehmbruck è essenzialmente dedicato alla scultura e segue la vita dell’artista Wilhelm Lehmbruck, con sede a Duisburg. Il museo ha 100 delle sue opere, così come i suoi disegni, progetti e dipinti in un edificio separato. Ma Lehmbruck simboleggia solo una frazione di una collezione così grande che viene reinstallata ogni anno. Si possono vedere figure di Alberto Giacometti, Picasso, Käthe Kollwitz, Christo, Alexander Archipenko e altri. Ci sono anche schizzi del XIX e XX secolo, essenzialmente espressionismo degli artisti di Die Brücke.

2. Landschaftspark Duisburg Nord

Nella giurisdizione di Meiderich, verso la parte nord della città, c’è un’officina dismessa che è stata trasformata in un parco pubblico. La fondazione fu chiusa nel 1985, e all’inizio degli anni ’90, invece di demolire gli alti camini, i ponti portanti e le fornaci, l’architetto e pittore Peter Latz li conservò. Il terreno è stato lavorato con piante per evitare la contaminazione del suolo, ex canali fognari e ferroviari sono scorciatoie per camminare, un deposito è stato trasformato in un quartier generale per le immersioni, mentre i bunker di cemento sono stati trasformati in giardini, i muri ora ospitano gli scalatori e un’alta ciminiera è una torre di osservazione.

3. Porto interno

Chiunque sia appassionato di architettura industriale vorrà passare molto tempo nel porto interno di Duisburg, che fino agli anni ’60 era la componente vitale della città industriale. Dall’insurrezione industriale del XIX secolo, il porto era chiamato il “paniere della Ruhr”, che raccoglieva il grano in magazzini titanici. Dopo l’annesso dopoguerra, il porto cadde in declino e rimase inattivo per decenni prima di una performance di rigenerazione nel 1990.

4. Museum Der Deutschen Binnenschifffahrt

In un bellissimo bagno pubblico in stile Art Nouveau del 1910, c’è un museo che racconta la storia sociale e tecnica della nazione. La galleria si trova sulla riva destra del Reno nel quartiere Ruhrort, dove si trova il più grande porto fluviale del mondo. Nel corridoio della vecchia piscina maschile c’è un pontone del 1913, una replica di una barca nel bagno delle donne dove si può conoscere la vita e il lavoro a bordo. Il museo ha anche tre navi ancorate nel porto.

5. Museo Küppersmühle

L’attraente edificio di sette piani sopra il porto interno di Duisburg è metà dell’attrazione di questa mostra di arte contemporanea. La struttura risale al 1908, era un magazzino, installato con 42 metri di fili di grano in acciaio nel 1934. Dopo la sua distruzione nel 1970, una decisione dei cittadini ha assicurato la conservazione dell’edificio, e nel 1990 è stato ristrutturato da una donna svizzera. Il museo ospita quattro mostre temporanee all’anno, per retrospettive o intrattenimenti selezionati su un determinato tema.

6. Tigre e tartaruga o montagna magica

A pochi metri dal Reno, verso la parte meridionale di Duisburg, si trova una fondazione d’arte interattiva fondata nel 2010. Tiger and Turtle è fondamentalmente un roller coaster sulla cima di una collina con scale rotanti invece di una rotaia, progettato dall’artista e architetto Heike Mutter e Ulrich Genth. La struttura è in acciaio e può essere goduta a piedi, escluso l’anello, che è indiscutibilmente impraticabile. La collina della Tigre e della Tartaruga è veramente artificiale ed è stata costruita con i rifiuti di un’industria di liquefazione dello zinco e migliaia di tonnellate di detriti di edifici industriali distrutti.

7. Duisburg Rathaus

Nella rivoluzione industriale, la città di Duisburg passò da 4.500 abitanti a 100.000 nel XIX secolo. Il municipio dovette essere rinnovato due volte nel corso del secolo per accogliere i nuovi abitanti. L’edificio attuale è stato eretto in Burgplatz all’inizio del XX secolo nello stile storicista dell’esperto di Karlsruhe Ratzel. La sua tecnica è stata scelta prima di altre, venti case hanno dovuto essere distrutte per far posto a questo efficiente edificio.

8. Mercatorbrunnen

Il disegnatore fiammingo-tedesco Gerardus Mercator trascorse gli ultimi 30 anni della sua vita in questa città di Duisburg dopo aver lasciato la città di Leuven a causa dei suoi legami luterani. Mercator è famoso per la sua mappa del mondo del 1569, che utilizzava il suo metodo Mercator Predominance, dove il piano è proiettato su una scacchiera di linee rette.

Artículo anterior4 Visita di Andahuaylas
Artículo siguiente4 Visita di Holambra

Related Stories